Cellule: unità fondamentali della vita?

Tutti gli esseri viventi o organismi che dir si voglia sono costituiti da cellule.

L’individuazione delle cellule e delle loro caratteristiche risale alla prima metà dell’800. In particolare due scienziati tedeschi, Matthias Scheider, botanico, nel 1838 e successivamente Theodor Schwann, zoologo, nel 1839, utilizzando il ragionamento induttivo arrivarono alla conclusione che tutti gli organismi viventi sono costituiti da cellule. Infine nel 1855 Rudolf Virchow, (patologo, antropologo, scienziato e politico tedesco) affermò che le cellule si possono formare solo per divisione da una cellula preesistente.

Si stabilì così la TEORIA CELLULARE:

  • L’UNITÀ MORFOLOGICA degli esseri viventi la cui stragrande maggioranza è formata da molte di esse (esseri pluricellulari),

Che cosa sono le cellule? Sono piccole unità racchiuse da una membrana e piene di una soluzione acquosa concentrata di sostanze chimiche.

Le cellule, per riprodursi, replicano il loro DNA e poi si dividono in due, passando una copia delle istruzioni genetiche codificate nel DNA a ogni cellula figlia.

Essendo questo un processo imperfetto, le istruzioni possono essere corrotte da mutazioni che modificano il DNA.

Il processo di riproduzione sessuale complica ancora di più l’andamento della trasmissione dei geni, in quanto i tasselli dell’eredità genetica si mescolano e si ridistribuiscono: si fondono due cellule della stessa specie che mettono in comune il loro DNA.

È la base dell’evoluzione: sopravvivono solo le cellule che mutando migliorano la loro capacità di sopravvivenza e riproduzione oppure equivalente sul piano della vitalità, anche se geneticamente diversa.

Il genoma cellulare, cioè l’intera sequenza di nucleotidi nel DNA di un organismo, racchiude il programma genetico che indica alla cellula come comportarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Carrello
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: